Migliori biberon: come fare la scelta giusta

0
194
Biberon migliori quale scegliere

Quest’oggi sciogliamo i dubbi di tutte le neo mamme e vi aiutiamo a scegliere i biberon migliori per i vostri bimbi.

Indipendentemente che voi scegliate o meno di allattare il vostro bambino, il biberon sarà comunque un oggetto che vi troverete a comprare o per alternarlo al seno o per usarlo nel caso dobbiate mancare di casa e dobbiate tirarvi il latte o per finire quando il bambino è svezzato.

Tantissimi sono i biberon in commercio, i materiali usati, le marche e le tettarelle, e a volte scegliere il prodotto giusto non è sempre semplice.

 

Biberon migliori: il modello giusto per ogni esigenza

Per scegliere i biberon migliori o quelli che fanno al caso nostro è bene prima di tutto acquistarli quando effettivamente se ne ha la necessità poiché gli acquisti fatti prima che il bambino arrivi, molto spesso restano inutilizzati.

Detto questo, diciamo che in commercio esistono tanti biberon ma per trovare il modello che fa per noi è prima di tutto necessario considerare le necessità del nostro bimbo e le nostre, se si ha un bimbo neonato è meglio optare per una bottiglia piccola, un tettarella adatta al neonato e un flusso debole così da essere compatibile con l’allattamento al seno.

Se si tratta di un bambino più grandicello è meglio un una bottiglia grande con un flusso veloce. Se  si è una famiglia spesso in viaggio o il bambino resta spesso dai famigliari sarebbe meglio avere un biberon in plastica e non in vetro, che è naturalmente molto fragile, se invece il bambino non beve da solo si può optare per quello in vetro.

Questi sono solo esempi  per farvi capire come sia difficile muoversi tra i biberon migliori in commercio, esiste un modello giusto per ogni esigenza e noi dobbiamo essere bravi a scovarlo.

 

Biberon migliori: tutti gli aspetti da considerare

Il biberon, qualunque sia il modello, è formato da più parti e per scegliere i biberon migliori è necessario valutarle tutte. Prima di tutto c’è la bottiglia, la tettarella e infine l’anello di chiusura.

Di ognuna di queste parti, ci sono diverse tipologie in commercio e sono quelle che fanno la differenza tra un biberon migliore e uno peggiore.

BOTTIGLIA: La prima cosa da tener presente quando si devono scegliere i biberon migliori è senza dubbio la bottiglia. Prima di tutto il materiale, esistono bottiglie in vetro, in acciaio inox e in plastica. Quelle in vetro sono molto simili a quelle che usavano le nostre nonne, robuste e durature, sono igieniche, facili da lavare e possono passare davvero da un figlio all’altro ammesso che non si rompano. La loro pecca infatti è che sono fragili, se il bambino beve da solo potrebbe cadergli e frantumarsi. Inoltre è molto costoso.

Quello in acciaio è la meno usata, molte mamme la adorano perché robusta ed economica ma è pesante ed è impossibile misurare quanto latte è contenuto. Per finire quella in plastica, sono le più usate, leggere, infrangibili ed economiche. Dal 2012 non possono più essere realizzati con il bisfenolo, una sostanza dannosa, e quindi sono anche molto sicuri. Ma ogni tot tempo vanno cambiati perché si rovinano facilmente.

Altra cosa da valutare in fatto di bottiglie quando si cercano i biberon migliori è la capienza. Esistono biberon da 60 ml per i neonati, da 150ml e infine quelli da 300ml, a seconda del bambino che deve usarli e al suo fabbisogno di latte è bene scegliere l’uno o l’altro modello.

Infine, può essere una variabile,  la forma della bottiglia. Ci sono bottiglie cilindriche difficili da maneggiare ma molto capienti, quelle ergonomiche che possono essere prese anche dai bambini, quelle angolari per i bambini che soffrono di coliche e quelle con i manici.

TETTARELLA: La prima cosa da valutare, come per i ciucci, è il materiale della tettarella. Ne esistono in silicone, lattice e caucciù. I biberon migliori con tettarella in silicone sono molto utilizzati perché il silicone è insapore, resistente ai batteri e facile da sterilizzare. L’aspetto negativo è che non è resistente, facilmente il bambino con i denti lo spezza e potrebbe ingerire pezzetti di plastica. E’ molto adatto per il neonato però.

Le tettarelle in caucciù sono molto più resistenti, è un materiale naturale e si adatta al palato del piccolo. La pecca è che essendo poroso è facile che sia soggetto a contaminazioni batteriche.  Infine quello in lattice è semi naturale, anch’esso giallo come il caucciù, è molto resistente e adattabili al palato ma come il caucciù è facilmente contaminabile.

Una volta scelto il materiale della tettarella è giusto scegliere la forma, a seconda dell’età del bimbo e del suo palato. Esistono punte inclinate per i bimbi piccoli abituati al capezzolo che permettono un passaggio molto dolce dall’essere allattati allo svezzamento. Esistono punte allungate che si adattano al palato di bambini un po’ più grandi che hanno già superato la fase dello svezzamento, punte a petalo per i bambini che cominciano a mangiare da poco.

Punta arrotondate per i bimbi di pochi mesi. Inoltre dalla tettarella dipende anche il flusso del latte, per un flusso debole è necessario che la tettarella abbia un buco solo, tre buchi per il flusso medio adatto ai bambini in svezzamento, flusso rapido con un buco più grande o più buchi piccoli.

EXTRA: Infine è bene chiarire che per scegliere i biberon migliori è necessario anche valutare gli extra hce un biberon può avere, esistono in commercio modelli con il tappo riscaldante, che segnalano la giusta temperatura con un tubicino all’interno che cambia colore quando la temperatura raggiunge i 37°. Oppure ci sono modelli  che riescono a regolare il flusso in base all’intensità della suzione del bambino.

 

Biberon migliori: le nostre scelte

Una volta chiarito tutto ciò che è necessario valutare e tener presente quando si va alla ricerca dei biberon migliori, passiamo a una selezione dei modelli più utili, facili da utilizzare e con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Nello scegliere per voi dei modelli di biberon che fossero davvero i migliori, abbiamo selezionato cinque diversi modelli, un modello svizzero, economico e resistente con tettarella in silicone, un modello con bottiglia ergonomica e tettarella naturale a flusso lento, un modello italiano con tettarella inclinata  che simula l’allattamento e infine un modello anti colica con tettarella a petalo. Vediamoli meglio nel dettaglio.

 

Mimijumi

Biberon MimijumiIl biberon Mimijumi è un prodotto davvero ottimo, si trova in due diverse misure small per 120ml di latte e large con 240ml, il prezzo non supera i 25 euro ed è un prodotto davvero facile da usare.

Il design ricorda molto il seno materno, la punta è inclinata in entrambe le misure, la tettarella è in silicone e priva di lattice. La bottiglia è in plastica e priva di BPA e di altri prodotti chimici. L’apertura è di 60mm, facile da riempire e la lavare. Questo biberon ha il  fondo amovibile anti-scivolo e il sistema anti-coliche integrato. Molto resistente, ha come unica pecca il fatto che la bottiglia non è ergonomica e quindi difficile da impugnare per i bambini.

 

Tommee Tippee

Biberon Tommee TippeeTra i biberon migliori non si può assolutamente non mettere quello Closer to Nature di Tommee Tippee, un marchio inglese davvero ottimo per la produzione di prodotti per l’infanzia.

Questo modello è da 260 ml ma esistono anche di altre dimensioni, è ottimo perché adatto per sostituire l’allattamento ma anche per combinare l’allattamento al seno al biberon.

E’ studiato da esperti dell’allattamento per non far sentire al bambino il passaggio dalla pelle alla plastica, ha una tettarella che facilita l’attacco del bambino grazie all’imitazione della flessibilità, dell’elasticità e del movimento naturale del seno materno. Inoltre questo biberon possiede una  valvola ultrasensibile, la valvola Easi-vent, che elimina l’aria meglio durante la poppata, e il bambino succhia con facilità e con minore rischio d’ingestione di aria.

La bottiglia è ergonomica per permettere di tenerla nella posizione a noi più comoda per  permettere al bambino di essere più vicino alla mamma. La tettarella è in silicone, la bottiglia in plastica. Il flusso è lento e il biberon può tranquillamente essere tenuto anche dal bambino. Il difetto è che le tettarelle quando devono essere cambiate sono abbastanza costose, nonostante il biberon completo costi solo 10 euro

 

Chicco Biberon Naturalfeeling

Chicco Biberon NaturalfeelingQuando si fa un elenco dei biberon migliori non si può dimenticare la Chicco, un prodotto italiano e sempre all’avanguardia in fatto di ricerca, materiali e necessità del bambino. La linea Natural feeling nasce per il neonato ma mi adatta benissimo al bambino fino a quando diventa più grande.

La bottiglia è in plastica molto resistente, la tettarella in silicone ma è un silicone definito “effetto mamma” perché molto vellutato e morbido. Esistono di questa linea biberon di diverse tipologia, 0 mesi, 2 mesi e più, sei mesi e più, ognuna ha una capienza di bottiglia diversa e una tettarella adatta al palato del piccolo. Il modello due mesi e più è quello più particolare perché ha la tettarella obliqua che permette di posizionare il biberon comodamente e resta sempre piena di latte così da evitare il passaggio dell’aria.

E’ facile da inserire nel caso di allattamento misto e ha, come tutti i modelli, la doppia valvola anti coliche. Il difetto di questo biberon è che dopo un uso continuativo, la bottiglia va cambiata perché di opacizza. Costo 12 euro

 

Philips Avent

Biberon Philips Avent NaturalPer finire passiamo a un biberon Philips.

Avent è una linea molto amata dalle mamme perché economica e davvero molto funzionale. La tettarella è in lattice a petalo, flessibile e sagomata, il flusso è debole e ha due fori. La novità di questo biberon è il sistema anti-coliche avanzato che facilita anche la digestione nel bimbo molto piccolo.

La bottiglia ha la forma ergonomica con collo ampio che rende semplice il riempimento e la pulizia e realizzato in polipropilene. Il sistema è composto solo da poche parti che possono essere assemblate in maniera rapida e semplice. Difetto del prodotto è che è compatibile solo con i propri pezzi di ricambio che, contrariamente al biberon completo, sono molto costosi, inoltre le tettarelle si rompono con molta facilità. Costo sotto i 10 euro.

 

Conclusioni

La scelta dei biberon migliori è una scelta difficile perché interessa il nostro bambino e quindi molte mamme entrano in crisi, tanti i modelli, tante le scelte possibili e molti i prezzi. Speriamo con questa guida di avervi aiutato a orientarvi tra i modelli più convenienti per prezzo come per qualità e soprattutto speriamo di avervi aiutato a capire quale biberon fa per voi e per i vostri bambini.

Tra le nostre scelte sono stati totalmente tralasciati i biberon di vetro e acciaio inox non per una nostra mancanza ma perché sono modelli davvero difficili da utilizzare, fragili, molto difficili da trovare se non in negozi specializzati e pericolosi per il bambino, oltre che essere costosi. Quindi li abbiamo considerati inadatti ad un utilizzo quotidiano. Per qualunque dubbio o domanda restiamo a vostra disposizione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here