Idropulsore migliore • Prezzi, consigli ed offerte • 2019

0
112
idropulsore migliore

L’igiene orale è davvero importantissima ed avere un idropulsore nel tuo cassetto è davvero una scelta più che saggia.

Dopo aver scoperto il mondo dello spazzolino elettrico grazie ad un nostro articolo dedicato, possiamo ora passare a scoprire anche il mondo dell’idropulsore.

Nel caso tu non sappia bene cosa s’intende con il termine idropulsore, devi sapere che, è uno strumento che sfrutta la forza del getto d’acqua per pulire in maniera più approfondita anche quegli angoli in cui uno classico spazzolino non può arrivare.

Ecco quindi che l’idropulsore è davvero un valido aiutante nella tua igiene dentale.

Ma come scegliere il modello perfetto per le tue esigenze?

Tranquillo te lo spieghiamo noi di Lasceltamigliore.

Idropulsore migliore: le sue caratteristiche

Come avrai già capito, l’idropulsore, è uno strumento davvero da tenere in considerazione per i tuoi acquisti futuri, e se sei arrivato in questo articolo significa che ne sei già consapevole.

L’idropulsore però è uno strumento di cui non si sente parlare moltissimo e, quindi, resta ancora un po’ di mistero su come sia meglio sceglierlo ed utilizzarlo.

Prima di tutto ci teniamo a farti una premessa importante.

Devi sapere infatti che l’idropulsore non sostituisce assolutamente lo spazzolino. Una corretta igiene dentale è costituita da un primo lavaggio con lo spazzolino, un seguente passaggio del filo interdentale e solo infine l’utilizzo dell’idropulsore.

Bene, ora sei pronto per cominciare a scoprire le diverse caratteristiche da valutare prima di procedere con l’acquisto di un idropulsore.

 

Idropulsore migliore: la sua struttura

Cominciamo prima di tutto parlandoti della struttura in sé dell’idropulsore.

Devi sapere che l’idropulsore ha una forma molto simile ad uno spazzolino elettrico, ma con l’aggiunta di un piccolo serbatoio dove inserire l’acqua od il collutorio.

Riguardo la struttura, in commercio, potrai trovare diverse tipologie che ora andremo ad elencarti:

  • idropulsori fissi. Hanno una struttura più ingombrante in quanto hanno un serbatoio più grande e necessitano di una base fissa su cui appoggiarsi. Sono l’ideale per chi desidera utilizzarlo in maniera molto assidua
  • idropulsori portatili. Hanno una struttura più compatta e minuta. Perfetti per chi ne vuole fare un uso più sporadico

Per quanto riguarda le differenze sostanziali su queste tipologie ti possiamo dire che, in linea di massima, l’idropulsore fisso ha una potenza decisamente maggiore rispetto all’idropulsore portatile.

Inoltre vi è anche una sostanziale differenza per quanto riguarda la capienza del serbatoio.

Ma andiamo con ordine ed procediamo con le seguenti caratteristiche così da comprendere al meglio anche queste differenze strutturali.

 

Idropulsore migliore: la sua capienza del serbatoio

Avendo appena parlato della struttura non possiamo ora non dare un’occhiata più approfondita al serbatoio.

Il serbatoio è quella parte dell’idropulsore che va a contenere l’acqua, oppure il collutorio desiderato.

Devi sapere che in base alla tipologia dell’idropulsore potrai avere:

  • serbatoio incluso nel manico dell’idropulsore (caratteristica della tipologia portatile)
  • serbatoio esterno (caratteristica della tipologia fissa)

Ma non c’è solo questo da sapere a riguardo.

Infatti è importante dirti che la capienza del serbatoio varia davvero moltissimo.

Un idropulsore portatile infatti ha un serbatoio con una capacità che va dai 100 ml ai 160 ml. A volte è anche inferiore ai 100 ml.

Un idropulsore fisso, invece, ha un serbatoio con una capacità che va dai 300 ml ai 600 ml.

Come puoi ben capire la differenza è davvero evidente e per fare la scelta giusta devi prima di tutto valutare le tue effettive esigenze.

Se l’utilizzo che andrai a farne è di tipo quotidiano e magari anche condiviso con gli altri membri della famiglia, capisci bene che un serbatoio più grande è sicuramente la scelta migliore da fare.

Al contrario, se lo andrai ad utilizzare tu da solo, un serbatoio più piccolo è più che sufficiente.

 

Idropulsore migliore: la sua alimentazione

Eccoci ora ad affrontare una caratteristica a volte sottovaluta ma che in realtà va fortemente ad influire sull’utilizzo finale dello strumento.

Stiamo parlando dell’alimentazione dell’idropulsore.

Per quanto riguarda questo parametro possiamo dirti che in commercio potrai trovare le seguenti tipologie:

  • idropulsore a rete. In questo caso s’intende l’idropulsore fisso. Ha una potenza maggiore ed ha il vantaggio di non dipendere da nessun tempo di ricarica
  • idropulsore a batteria interna. Ovviamente ora si parla di un idropulsore portatile. In questo caso ci sentiamo in dovere di consigliarti la tipologia con batteria interna a litio in quanto ha una maggiore potenza e non ha una prestazione che varia in base al livello di carica
  • idropulsore a pile. Anche qui si parla di un idropulsore portatile. Questa tipologia però ha una potenza molto minore rispetto alle precedenti ed è praticamente consigliato solo in caso di viaggio o continui spostamenti

 

Idropulsore migliore: la sua modalità di pulizia

Cominciamo ora con le caratteristiche più tecniche e più specifiche del settore.

In primis parliamo della modalità di pulizia che un idropulsore può avere.

Partiamo dal presupposto che la pulizia avviene con l’uso dell’acqua, oppure con l’uso di un collutorio specifico. L’idropulsore ha il compito di rimuovere germi, batteri e piccoli pezzi di cibo che magari si sono incastrati in posti molto difficili da raggiungere per un semplice spazzolino.

Inoltre tieni presente che il getto dell’acqua fa una sorta di massaggio alle gengive, attivando così la circolazione e portando un grande beneficio finale.

Detto questo possiamo ora analizzare con più calma le diverse opzioni che puoi trovare:

  • pulizia con getto d’acqua. È la modalità base di ogni idropulsore. Si utilizza solamente l’acqua, od il collutorio
  • pulizia con getto d’acqua ed aria. In questo caso si utilizza si l’acqua, ma unità alla forza di particelle d’aria depurate grazie ad un filtro incluso nell’idropulsore. È sicuramente una modalità di pulizia più profonda
  • pulizia speciale. I modelli di idropulsore più avanzati hanno anche delle modalità di pulizia già preimpostate che ti garantiscono un perfetto alternarsi di acqua e particelle d’aria purificate per una pulizia perfetta e profonda

 

Idropulsore migliore: il suo getto

Infine analizziamo in maniera più dettagliata il getto dell’acqua, ovvero l’azione regina dell’idropulsore.

È importante verificare di avere la possibilità di regolare la potenza del getto dell’acqua.

Infatti ogni persona ha le sue esigenze e se, ad esempio, hai delle gengive molto sensibili è ovvio che hai bisogno di un getto non troppo forte per non danneggiare ulteriormente la tua salute gengivale.

Ecco quindi che la regolazione e l’impostazione del getto diventa essenziale.

Ma quali sono le possibilità a riguardo? Scopriamolo subito insieme:

  • Getto singolo. Chiamato anche con il termine doccia dentale ha la caratteristica di avere un getto continuo
  • Getto multiplo. In questo caso, invece, si ha un’alternazione di getti diversi tra di loro. Questa opzione ti permette una pulizia più efficace e potente

Inoltre vi è la possibilità di regolare l’intensità e la forza del getto.

Ci teniamo però a precisare che, la regolazione dell’intensità, solitamente è possibile solo nei modelli più avanzati, o comunque di una fascia medio alta.

 

Idropulsore migliore: i suoi ugelli

Infine andiamo ad esaminare i diversi ugelli che un idropulsore può avere.

Per ugello s’intende, in pratica, la testina dalla quale esce il getto dell’acqua.

In commercio potrai trovare diversi modelli con un solo ed unico ugello. Questo di certo non significa l’idropulsore non sia di qualità, ma è ovvio che l’averne solamente uno in dotazione lo rende meno versatile.

Altri modelli invece ne possono possedere anche 3 o 4 diversi. Questa tipologia è perfetta se devi usarlo in comune con gli altri membri della tua famiglia, ma anche solo per avere un ricambio.

 

Idropulsore migliore: i modelli scelta da noi

Dopo aver esaminato con attenzione caratteristica per caratteristica sei pronto per addentrarti nel vero mondo del mercato e scoprire così tutti i migliori modelli presenti nel mercato.

Abbiamo divisi i diversi modelli in fasce di prezzo così da agevolarti nella tua valutazione finale.

 

Idropulsore ad alto profilo: Oral-B Waterjet Sistema Pulente

Oral-B Waterjet Sistema Pulente con IdropulsoreOral-B non ha certo bisogno di presentazioni. Un marchio davvero sinonimo di qualità e professionalità e questo idropulsore sicuramente lo dimostra.

Un idropulsore fisso davvero potente. Dotato di un getto multiplo ti garantisce l’esecuzione di un doppio trattamento: pulizia profonda e massaggio alle gengive allo stesso momento.

Possiede un piccolo sistema di comando con cui potrai regolare tranquillamente la potenza del getto d’acqua secondo le tue necessità.

Interessante poi l’opzione getto d’acqua con bollicine d’aria che ti aiutano ad eliminare e prevenire la placca dei denti.

Nella confezione troverai anche 4 ugelli inclusi.

Il costo è di 83,90 euro.

 

Idropulsore con migliore rapporto qualità-prezzo: Idropulsore Dentale Portatile

Idropulsore Dentale PortatileEccoci ora ad esaminare un idropulsore dentale portatile di tutto rispetto.

Ha ben tre modalità di pulizia: modalità classica, modalità morbida e modalità massaggio ed un serbatoio di 220 ml.

Questo lo rende davvero un idropulsore versatile.

La sua versatilità poi aumenta nello scoprire che la sua potenza può essere tranquillamente regolata in tre livelli diversi, a seconda della tua esigenza.

La batteria si ricarica in circa 4 ore e poi ha una durata media che va dai 7 ai 10 giorni. Può essere ricaricato anche attraverso USB, perfetto quindi anche se devi viaggiare.

Tieni conto poi che è impermeabile e quindi può essere usato anche sotto la doccia.

La confezione include anche 4 ugelli ed il costo è di 67,99 euro.

 

Idropulsore economico: Panasonic EW-DJ10-A503

Idropulsore Panasonic EW-DJ10-A503Infine andiamo a scoprire un idropulsore economico ma tuttavia di buona qualità.

Si tratta di un idropulsore a batteria ricaricabile con un serbatoio di 165 ml.

Ha una modalità di pulizia a getto d’acqua che può essere regolata in due livelli di potenza diversi.

È estremamente compatto e comodo da riporre in quanto il beccuccio può essere inserito all’interno del serbatoio, in pratica è un idropulsore a scomparsa.

Di certo non ha tante funzioni ma a livello basico è davvero ottimo. Perfetto se devi farne un uso saltuario o comunque non pretendi un idropulsore super avanzato.

Il costo è di 49,99 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here