Impastatrice planetaria migliore • Recensioni, offerte e prezzi • 2020

1
495
Impastatrice planetaria

Avere un’impastatrice nella tua cucina equivale ad avere un vero braccio destro accanto a te.

Un valido aiuto che ti aiuterà ad avere degli impasti perfetti ed in un lasso di tempo decisamente inferiore.

Di la verità, questo strumento misterioso ti sta davvero incuriosendo.

Noi di Lasceltamigliore siamo proprio qui per te e per farti conoscere il mondo dell’impastatrice planetaria.

Caratteristiche, prezzi, consigli e modelli appositamente scelti per soddisfare le tue esigenze.

Ed allora sei pronto? Allaccia le cinture perché ora si parte alla scoperta.

Come scegliere una impastatrice planetaria?

L’impastatrice planetaria è un elettrodomestico presente nel mercato da moltissimi anni. Tuttavia, bisogna dire che, si è fatta conoscere con un discreto successo solo nell’ultimo periodo.

Fino a qualche decennio fa, infatti, era ancora molto presente la tradizione tramandata dalle nostre care nonne e bisnonne, ovvero quella dell’impastare tutto rigorosamente a mano.

Con il passare degli anni, e delle generazioni, complice anche l’enorme progresso avuto nel settore, ecco che le saccenti ed esperte mani stanno lasciando sempre di più il posto alle impastatrici planetarie.

Questo strumento ha come obiettivo finale quello di aiutarti in tutti i tuoi impasti, sia dolci che salati, facendoti perdere meno tempo, e facendoti fare anche meno fatica fisica.

Ma cerchiamo di scoprire qualcosa di più a riguarda cominciando a scoprire in maniera più dettagliata le varie caratteristiche da tenere in considerazione prima di procedere con l’acquisto finale.

Impastatrice planetaria migliore: la sua potenza

Uno dei primi aspetti da considerare è sicuramente la potenza dell’impastatrice.

Devi sapere, infatti, che proprio dalla potenza ne deriverà poi anche il suo utilizzo futuro.

Gli impasti nel mondo della cucina sono davvero moltissimi. Come sono anche molte le tipologie di ingredienti e farine che possono essere utilizzate.

Da questa premessa ne deriva anche che, l’impastatrice planetaria, debba avere la forza e la potenza necessaria per poter lavorare al meglio qualsiasi tipo di impasto.

In merito alla potenza dell’impastatrice planetaria bisogna tenere conto di tre aspetti diversi:

  • voltaggio. È importante scegliere un voltaggio che ti dia la sicurezza di poter impastare in maniera egregia anche impasti abbastanza duri e compatti. Come minimo sindacale ti siamo la soglia di 250 watt. Più si sale di potenza più si ha tra le mani un’impastatrice di qualità
  • velocità. Un altro parametro importante è poi la velocità che lo strumento ti offre. A questo proposito ti possiamo dire che, maggiori sono le velocità disponibili maggiore è la versatilità dell’impastatrice
  • tempistica. Infine ecco che andiamo ad esaminare anche il tempo di lavoro che un’impastatrice impiega. Alcuni impasti hanno bisogno di una lavorazione lunga che supera, a volte, anche i 15 minuti. È importante che l’elettrodomestico in questione abbia una potenza tale da poter lavorare per un lasso di tempo lungo così da non sovraccaricare il motore

Impastatrice planetaria migliore: la sua capienza

Altro aspetto importante è poi la capienza vera e propria del recipiente della planetaria.

È bene che tu abbia chiaro fin da subito la quantità media di impasto che serve per soddisfare le esigenze della tua famiglia.

Saper dal principio questo dato ti permetterà di avere ben chiaro la tipologia di impastatrice che ti serve.

La capienza è espressa sempre in litri e, in linea di massima, le impastatrici in commercio possono lavorare una quantità di impasto che va dai 500 grammi ai 2 chili.

Una nota importante che ti possiamo fare a questo riguardo è che, la capienza massima, non è necessariamente legata al prezzo finale.

Infatti puoi trovare impastatrici ad alto costo con una capacità ridotta, ed al contrario anche impastatrici economiche con una capacità alta.

Impastatrice planetaria migliore: la sua stabilità

Forse ti sembrerà un po’ strano leggere tra le caratteristiche di un elettrodomestico la parola stabilità, ma in questo specifico caso è del tutto necessario.

Devi infatti tenere conto del fatto che una planetaria, durante il suo utilizzo, ha non poche oscillazioni date dal suo movimento rotatorio.

Questi movimenti, nel caso di una planetaria con poca stabilità, possono provocare spostamenti ed anche cadute accidentale spiacevoli.

La planetaria deve essere in grado di essere completamente autonoma senza obbligarti a rimanere li per tenerla fissa sul piano di lavoro.

Ecco quindi che è essenziale che l’impastatrice planetaria abbia un peso abbastanza importante e dei piedini antiscivolo che evitino spostamenti dell’oggetto in funzione.

Materiali di qualità, ammortamento delle vibrazioni ed il giusto peso sono elementi essenziali affinché la stabilità sia pressoché perfetta.

Impastatrice planetaria migliore: la sua versatilità

Eccoci arrivati ora ad una caratteristica che a dire il vero stavamo aspettando. Stiamo parlando della sua versatilità.

La versatilità, quando di parla di una planetaria, riguarda ovviamente la diversità di impasti che si possono fare.

Ovvio che, più una planetaria è versatile, maggiore è anche la sua qualità.

La versatilità è direttamente crescente con il numero di accessori possibili, che in questo caso sono rappresentati da ganci e fruste.

Scopriamo insieme i diversi accessori che puoi trovare:

  • frusta K, chiamata anche con il termine frusta a foglia. È l’accessorio base di tutti i modelli di impastatrici planetarie. Perfetta per impasti morbidi
  • frusta gommata, indicata particolarmente per mescolare ingredienti molto delicati come ad esempio l’albume d’uovo o la panna montata
  • frusta a filo, la sua conformazione con fili d’acciaio la rende perfetta per impasti molto leggeri e vellutati, in quanto permette all’aria di entrare in maniera perfetta all’interno degli ingredienti
  • frusta ad uncino, chiamata anche più comunemente con il termine gancio. Ecco l’accessorio espressamente indicato per gli impasti più duri e compatti, come ad esempio gli impasti che devono avere una lievitazione successiva

Ci teniamo a precisare che, gli accessori sopra citati, possono essere inclusi nella confezione di base o possono, invece, essere acquistati separatamente.

Accertati sempre di cosa è incluso e cosa no.

Vi sono poi anche accessori in più che possono trasformare la tua impastatrice planetaria in un elettrodomestico ancora più completo, come ad esempio un robot da cucina.

Non possiamo poi non darti almeno un piccolo accenno della funzione che, impastatrici di alto livello, possono avere. Stiamo parlando della funzione cottura che permette alla planetaria di riscaldarsi e di fare ricette di alta cucina.

Impastatrice planetaria migliore: la sua praticità d’utilizzo

Infine dobbiamo necessariamente parlare anche dell’utilizzo vero e proprio della planetaria, e di tutti quei componenti che possono agevolarlo di gran lunga.

La prima valutazione riguarda sicuramente la pulizia della planetaria.

In questo caso sarai felice di sapere che non vi sono distinzioni di fasce di prezzo e qualità.

Infatti tutti i modelli presenti in commercio ti danno la possibilità di estrarre il recipiente e gli accessori per poi lavarli anche comodamente in lavastoviglie.

Per darti anche qualche informazione in più ti possiamo dire che un contenitore in acciaio inox, oltre ad essere più duraturo nel tempo, è anche più facile da pulire rispetto ad un contenitore in plastica.

Altro dettaglio poi è la presenza o meno di un coperchio paraspruzzi.

Il coperchio non è presente in tutti i modelli e non è indispensabile, tuttavia in alcuni casi può essere davvero utile.

Pensa ad esempio a quando devi inserire degli ingredienti durante la lavorazione. Avere un coperchio ti permette di farlo senza macchiarti e senza correre il rischio di farti del male con le fruste in movimento.

Piccoli dettagli ma che in corso d’opera fanno la differenza.

Impastatrice planetaria migliore: i modelli scelti da noi

Dopo tutti i nostri consigli e spiegazioni ti possiamo dire che sei veramente pronto per affrontare il mercato delle impastatrici planetarie.

I modelli in commercio sono davvero molti e la qualità da un modello all’altro può cambiare radicalmente.

Abbiamo quindi pensato di darti ancora un aiuto in più scegliendo per te alcuni dei migliori modelli presenti in commercio.

Abbiamo poi diviso i diversi modelli per fasce di prezzo per darti una visuale ancora più completa e chiara.

Ecco per te le migliori impastatrici planetarie.

Impastatrici planetarie migliori da 600 a 400 euro

Iniziamo con i modelli di impastatrici planetarie ad alto profilo, ovvero caratteristiche e qualità decisamente ottime.

Kenwood KM082 Cooking Chef

Kenwood KM082 Cooking Chef impastatrice planetaria

Non potevamo non iniziare la nostra lista se non con un modello di impastatrice planetaria firmata Kenwood, un marchio che è una vera garanzia in questo settore.

Si tratta di un modello con una potenza di 1500 watt ed una capacità di 6,7 litri. Insomma, è sia potente che capiente.

Fatta di resistente acciaio ha una ciotola con manici termoisolanti ed una speciale ceramica protettiva che facilità anche la pulizia.

Oltre ad impastare ha anche la funzione cottura ad induzione che va da 20° a 140°.

Munita di timer nella confezione troverai anche:

  • un gancio impastatore
  • una frusta gommata con 2 guaine (per la cottura)
  • un gancio con spatola a spirale (per la cottura)
  • una frusta K
  • una frusta a filo grosso
  • un ricettario

Il tutto può essere ampliato con altri 20 e più accessori acquistabili separatamente.

Il costo è di 699 euro.

Bosch MUM9A32S00

Bosch MUM9A32S00 impastatrice planetaria

Eccoci ad un’altra impastatrice di rilievo ma questa volta firmata Bosch.

Si tratta di un modello con potenza di 1200 watt ed una capacità di 5,5 litri.

Il punto di forza di questa planetaria è sicuramente il movimento planetario 3D che rende la rotazione molto più veloce ed efficace.

Ottima anche la funzione SmartDough Sensor che permette ai ganci e le fruste di mantenere una velocità costante anche con impasti piuttosto duri.

Timer integrato per agevolare di gran lunga il suo utilizzo.

Tre ganci diversi inclusi nella confezione per un costo di 443 euro.

Impastatrici planetarie migliori da 400 a 200 euro

Proseguiamo con una selezione delle migliori impastatrici planetarie con un rapporto qualità-prezzo decisamente ben calibrato.

Kenwood KMX750RD kMix

impastatrice planetaria Kenwood KMX750RD kMixCominciamo con un’impastatrice davvero ottima.

Kenwood è un marchio segno di qualità in questo settore e questo modello lo dimostra.

Ha una potenza pari a 1000 watt, quindi è perfetta per qualsiasi impasto e lavorazione.

La ciotola in acciaio inox ha una capienza pari a 5 litri ed è munito anche di coperchio para schizzi.

Interessante poi anche scoprire che ti dà la possibilità di scegliere tra ben 6 velocità progressive.

Estremamente sicura la si può lasciare ad impastare anche in solitudine senza l’inconveniente che si sposti o si rovesci accidentalmente.

Nella confezione troverai una frusta K, una frusta a filo ed un gancio impastatore.

Vi sono poi altri 20 accessori da poter acquistare separatamente per rendere questa impastatrice ancora più completa e versatile.

Il costo è di 289 euro circa.

Kenwood KM242 EFN_FRIT

impastatrice planetaria Kenwood KM242 EFN_FRITEbbene si, nella nostra lista dei migliori modelli c’è un’altra Kenwood.

Questo modello ha un prezzo che racchiude un rapporto qualità-costo davvero ottimale.

Una potenza pari a 900 watt e la possibilità di scegliere tra 3 velocità diverse.

La ciotola in acciaio inox ha una capienza pari a 4,3 litri, quindi risponde perfettamente alle necessità di una famiglia.

Estremamente sicura grazie al sistema di sicurezza Interblock, ha in dotazione la frusta K, la frusta a filo ed il gancio impastatore.

Non solo questo però perché, nella confezione base, troverai incluso anche un piccolo frullatore da 1,3 litri, l’accessorio per spremere gli agrumi ed un food processor.

Il costo è di 248 euro circa.

Impastatrici planetarie migliori sotto i 200 euro

Infine ecco una selezione delle migliori impastatrici planetarie economiche presenti in commercio.

Cookmii Impastatrice Planetaria

Cookmii Impastatrice PlanetariaParlando di ottimo equilibrio tra tra qualità e prezzo non potevamo non inserire anche questo modello firmato Cookmii.

Si tratta di una planetaria che ha una potenza di ben 1800 watt.

Ottima poi anche sotto il punto di vista della capacità visto che la ciotola ha una capienza di 7,2 litri.

L’insieme del suo design e dei suoi materiali garantiscono, poi, un funzionamento perfetto per oltre 30 minuti consecutivi visto che difficilmente arriva ad un livello di surriscaldamento dannoso.

Dispone di ben 6 velocità facilmente regolabili.

Inclusi nella confezione troverai:

  • un coperchio trasparente
  • un gancio per impastare
  • una frusta
  • un battitore

Ogni singolo componente può essere rimosso e lavato comodamente anche in lavastoviglie.

Il costo è di 169 euro ed è disponibile in diversi colori.

Ariete 1598 Pastamatic Gourmet 

Ariete 1598 Pastamatic Gourmet impastatrice planetaria

Infine ecco un modello con un prezzo decisamente a buon mercato e anche con una qualità di tutto rispetto.

Il marchio Ariete si sta facendo sempre più spazio nel settore, e d’altronde non ne avevamo dubbi.

Un’impastatrice con una potenza pari a 1200 watt ed una ciotola in acciaio inox estremamente capiente grazie ai suoi 7 litri.

La ciotola inoltre ha anche un comodo coperchio para schizzi con foro per inserire eventualmente altri ingredienti durante la miscelatura.

Ottima anche la presenza di una caraffa di 1,5 litri per fare frullati e smoothie.

Ha ben 6 velocità diverse e ti offre una grande versatilità nelle tue ricette.

Inclusi nella confezione troverai il gancio impastatore, 3 diverse fruste ed uno sbattitore piatto.

Il costo è di 149,90 euro.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here