Materasso antidecubito migliore • prezzi, modelli e recensioni • 2020

2
242
Materasso antidecubito migliore

Il materasso antidecubito è una tipologia molto diffusa negli ospedali e delle diverse cliniche sanitaria.

Tuttavia, bisogna dire che sono sempre di più le persone che optano per il loro acquisto anche per la permanenza domiciliare di una persona con patologie mediche specifiche.

La salute è una cosa importantissima e, purtroppo, a volte può capitare che questa venga a mancare.

Il riposo, poi, è fondamentale per la salute e proprio per questo motivo bisognerebbe fare una grande attenzione sul come scegliere il materasso perfetto.

Alcune patologie, però, costringono diverse persone a rimanere a letto per diverso tempo senza potersi muovere. Basti pensare anche solamente ad una persona che magari si è rotta il bacino e che per un determinato periodo è impossibilitata a muoversi ed alzarsi.

La continua pressione esercitata sul materasso porta a delle lesioni di diverse entità, che possono arrivare anche ad essere vere e proprie ulcere altamente fastidiose e dolorose.

Il materasso tradizionale, anche se di qualità, a lungo contatto con il corpo porta a delle lesioni della pelle.

Ecco quindi che il materasso antidecubito diventa fondamentale in questi casi.

Come quando si soffre di continui dolori al collo ed ecco che optare per l’acquisto di un cuscino cervicale può radicalmente cambiare la situazione.

Ma come funziona la tipologia di materasso antidecubito? Come scegliere quello perfetto che risponda alle tue necessità?

In questo articolo andremo ad approfondire il tutto, così che tu possa finalmente trovare la riposta a tutte le tue domande.

Cos’è ed a cosa serve un materasso antidecubito?

Il materasso antidecubito è una tipologia studiata appositamente per distribuire ed attutire il più possibile la forte pressione che il corpo va a creare il materasso.

Diminuire questa pressione porta ad un contatto meno invasivo tra corpo e materasso, e quindi anche un’insorgenza minore di lesioni e piaghe.

Purtroppo ci sono situazione in cui ci si vede costretti a letto per un lungo tempo.

Per quanto un materasso in lattice di qualità, oppure un materasso in memory foam ben strutturato, possano essere utili ed altamente consigliati come base, la verità è che la tipologia antidecubito è sicuramente più indicata per problemi di salute particolari.

Rimanere fermi costantemente nella stessa posizione può essere deleterio, e non solo per un fattore psicologico o muscolare, ma anche proprio per un fattore di salute della nostra pelle.

Ecco, quindi, che un materasso antidecubito può notevolmente aiutare la circolazione del nostro corpo e la salute della nostra epidermide contrastando l’insorgere di piaghe e ferite.

In commercio non troverai solamente una tipologia unica di materasso antidecubito, ma ne esistono molteplici.

Sapere quale risponde meglio alle tue esigenze farà si che tutta la qualità della tua salute migliorerà nettamente.

Come scegliere il materasso antidecubito migliore?

Se non sei molto esperto di questo settore la varietà in commercio potrebbe anche portarti nella confusione più totale fino ad arrivare ad una scelta finale non del tutto azzeccata.

Ecco, quindi, per te tutte le diverse caratteristiche ed informazioni che ti serviranno per fare una scelta consapevole.

Come funziona un materasso antidecubito?

La prima cosa importantissima che devi valutare è sicuramente la tipologia di materasso antidecubito che meglio risponde alle tue esigenze.

In commercio potrai trovare le seguenti scelte:

  • materasso antidecubito ad aria
  • materasso antidecubito a pressione alternata
  • materasso antidecubito ad acqua

materassi antidecubito ad aria hanno al loro interno delle cellule piene di aria che si sgonfiano e gonfiano grazie ad un piccolo compressore collegato.

In questo modo, la pressione, è sempre in continuo cambiamento e non vi è mai un momento troppo lungo di stessa pressione su uno stesso punto.

È sicuramente la tipologia più efficace, anche se devi tenere in conto del fatto che devi avere un compressore sempre collegato al letto. Poi andremo ad analizzare anche questo elemento.

I materassi antidecubito a pressione alternata, invece, è composto in pratica da un coprimaterasso a maglie molto larghe che creano così un’alternanza dell’aria interna eccezionale e funzionale.

È sicuramente ottimo e molto pratico ma non indicato per i lunghi periodi e le gravi patologie in quanto allevia le lesioni solo a livello superficiale.

I materassi antidecubito ad acqua, infine, che è il meno diffuso in commercio. È sicuramente efficace, perché l’acqua interna permette un continuo alternarsi della pressione senza necessità alcuna di compressori od altri strumenti.

Devi però sapere che, questa tipologia, per molte persone risulta essere molto pesante e creare anche un senso di nausea molto forte. Insomma sicuramente da valutare attentamente e magari solo sotto consiglio del medico.

Il consiglio che ti diamo è quello di valutare attentamente la situazione che hai di fronte.

Valuta le reali necessità del paziente e il suo stato di salute. Chiedi anche consiglio al personale medico se ti fa sentire più tranquillo.

Com’è fatto un materasso antidecubito?

Una volta comprese le diverse tipologie appena analizzate nel precedente paragrafo, sei pronto per analizzare meglio anche la struttura vera e propria del materasso.

Ovvio che, la struttura, varia anche in base alla tipologia.

Prendiamo in esame la tipologia di materasso antidecubito ad aria, visto che è la più diffusa, ed anche la più efficace in assoluto.

In questo caso la larghezza solitamente è pensata come un materasso singolo, e quindi si aggirerà sui 90 cm circa.

La lunghezza, invece, è molto più vasta visto che può arrivare anche fino ai 3 metri.

Perché una simile lunghezza?

Questa lunghezza permette un fissaggio al letto davvero ottimale garantendoti la sicurezza che non si sposti o scivoli durante la permanenza a letto.

In pratica ti troverai davanti una struttura lunga dai 2 ai 3 metri le cui estremità sono comunque composte da lembi di tessuto privi di cellule d’aria perfetti da infilare e fissar al letto.

E lo spessore? Questo parametro va dai 7 ai 12 cm e ricordati sempre che maggiore è lo spessore, maggiore sarà anche la comodità del materasso. Ovvio quindi che più ti avvicini ai 12 cm meglio è.

Ma la valutazione della struttura di un materasso antidecubito ad aria non finisce qui perché devi valutare altri due parametri:

  • la portanza, che deve aggirarsi sempre sui 100 kg per essere un modello di buona od alta qualità
  • il numero di celle d’aria, che va da 100 a 170 in linea generale. Più sono le cellule e maggiore sarà ergonomico il materasso

I materiali di un materasso antidecubito

Passiamo ora ad un altro elemento davvero importante, ovvero il materiale con cui il materasso è composto.

A dire il vero, in commercio non vi è una grande disparità in questo punto di vista.

Essendo un dispositivo medico e sanitario è sempre data una grande importanza al materiale utilizzato creando, così, una grande omogeneità nella qualità generale.

Tuttavia, è sempre meglio avere un occhio di riguardo.

I materassi antidecubito ad aria, solitamente, sono fatti in PVC. Questo materiale infatti è:

  • flessibile
  • impermeabile 
  • leggero
  • resistente

Tutte caratteristiche che ben si sposano con la sua finalità.

La tipologia ad aria, come ti abbiamo già accennato, necessita di un compressore sempre collegato.

In questo caso è bene che il materiale usato sia anche ignifugo.

Alcuni modelli hanno anche una percentuale di nylon all’interno per dare una traspirabilità maggiore alla struttura.

Per quanto riguarda, invece, la tipologia a pressione alternata controlla che il tessuto utilizzato sia:

  • anallergico
  • traspirante

Piccoli dettagli ma che fanno davvero la differenza nel suo utilizzo.

Cosa serve per usare un materasso antidecubito?

Abbiamo nominato più volte questo compressore che si rende totalmente necessario per il corretto funzionamento del materasso antidecubito ad aria.

Vista l’importanza di questo elemento ci sembrava importante darti anche qualche informazione in più a riguardo.

La prima cosa in assoluto da sapere è che, in commercio, potrai trovare due diverse tipologie:

  • compressore con pressione continua
  • compressore con pressione alternata

Solitamente, nelle diverse terapie riabilitative, viene preferita la pressione alternata ma nel caso parla anche con il tuo medico per avere un consiglio maggiore se non sai bene dove indirizzarti.

Il compressore a pressione alternata, in pratica, crea dei cicli di pressione che hanno una durata dai 5 ai 12 minuti. In questi minuti, lo strumento, andrà a sgonfiare alcune celle per poi gonfiarne altre. E questa alternanza sarà poi continua nel tempo.

Questo meccanismo è perfetto per mantenere sempre un po’ attivi i diversi muscoli del paziente steso a letto. Ecco perché, solitamente, è la prescelta.

Ci sono poi alcuni parametri da osservare:

  • rumorosità, opta sicuramente per un modello che sia il più silenzioso possibile per non interferire troppo con la qualità di riposo del paziente. Per essere ottimale dovrebbe essere sotto i 30 dB;
  • portata, per essere ottimale sceglie sempre un dato che sia uguale o superiore ai 7 litri al minuto. Un dato inferiore ti porterebbe ad avere uno strumento poco efficace e potente;
  • dimensioni, meglio scegliere un modello compatto che si possa appoggiare anche comodamente sul comodino e possa essere trasportato con facilità;
  • spegnimento automatico, perfetto in caso di corto circuito o mal funzionamento dell’oggetto;
  • regolazione in base al peso del paziente, alcuni modelli offrono anche questa possibilità che sicuramente dà un comfort maggiore e ben calibrato a seconda delle necessità specifiche.

Materasso antidecubito migliore: i modelli scelti da noi

Ora puoi davvero dire di essere totalmente informato sul mondo del materasso antidecubito.

La tua conoscenza attuale ti consente di procedere in maniera sicura e consapevole nel mercato.

Abbiamo pensato di darti anche un aiuto in più, ed abbiamo selezionato apposta per te alcuni dei migliori modelli di materasso antidecubito in commercio.

Troverai il tutto diviso in comode fasce di prezzo per una valutazione ancora più immediata ed efficace.

Materassi antidecubito migliori da 200 a 100 euro

Cominciamo con i modelli di materassi antidecubito di fascia alta e, quindi, anche con una qualità decisamente superiore.

OnNuvo Materasso New Gel Memory Foam

Iniziamo con un modello che, a dire il vero, è un vero e proprio materasso.

Infatti, non fa parte delle tipologie prima descritte ma è un materasso in tutti i sensi.

La sua struttura e la sua tecnologia, però, fa si che sia un modello certificato anche come antidecubito.

Ha un’altezza di 25 cm ed ha al suo interno ben 3 strati:

  • MEMORY GEL di 5 cm
  • Soft AirTechFoam di 5 cm
  • Hard AirTechFoam di 15 cm

Questo mix fa si che il tuo corpo sia perfettamente sorretto e che vi sia una continua stimolazione della circolazione. Ecco, quindi, perchè è definito come materasso antidecubito.

Si adatta a qualsiasi corporatura e dona un sollievo alla colonna vertebrale unico.

È disponibile in diverse misure e la versione singola, per esempio, ha un costo di 179 euro circa.

Materasso antidecubito ad aria di Queraltó

Materasso antidecubito ad aria di Queralto

Ecco che il nostro viaggio nel mondo dei materassi antidecubito continua con un modello che potremo definire davvero innovativo.

Si tratta di un modello ad aria con compressore incluso.

Le cellule d’aria che compongono la struttura si gonfiano e sgonfiano in maniera alternata, e soprattutto rispettando ed adattandosi alle forme ed al peso del tuo corpo.

Le cellule d’aria sono 17 (tieni conto che hanno una dimensione maggiore rispetto alle celle che si vedono solitamente nel mercato) ed hanno una portata massima di 130 kg.

Totalmente ignifugo è fatto da PVC ed anche una piccola percentuale di nylon per una traspirabilità ancora maggiore.

È praticissimo da lavare ed anche da trasportare in quanto si chiude in pochi e semplici passi ed ha un peso inferiore ai 4 kg.

Il compressore è potente e non emette un suono troppo fastidioso.

Il costo è di 125 euro.

Materassi antidecubito migliori da 100 a 50 euro

Proseguiamo con i modelli di materassi antidecubito con un rapporto qualità-prezzo eccellente.

Mobiclinic Mobi 2

Non potevamo non inserire tra le nostre scelte anche un modello firmato Mobiclinic. Infatti, Mobiclinic crea prodotti ospedalieri di alta qualità dal 1985.

Questo materasso antidecubito è un modello ad aria con 20 celle che si gonfiano e sgonfiano in modo regolare così da assicurare un continuo cambiamento di posizione ai pazienti costretti a letto per un lungo tempo.

Il ciclo di gonfiaggio e sgonfiaggio è di 6 minuti.

Ha una portanza di 140 kg ed è fatto in PVC di alta qualità e clinicamente testato.

Pratico da lavare e da trasportare visto il suo design appositamente studiato per regalare il comfort massimo in ogni situazione.

Incluso nella confezione troverai un kit per eventuali riparazioni ed un compressore.

Il costo è di 89 euro circa.

LEVITAS – Kit antidecubito Domus 1

LEVITAS - KIT ANTIDECUBITO A CICLO ALTERNATO DOMUS 1

Ecco ora un materasso antidecubito a bolle davvero ottimo. Ed è ottimo anche il suo equilibrio nel prezzo tra qualità e costo finale.

Come ti abbiamo già accennato è un materasso a bolle con ciclo alternato.

In pratica, le 130 celle che lo compongono si gonfiano e si sgonfiano in modo alternato creando anche una sorta di massaggio sui diversi muscoli del corpo, tenendoli così sempre un po’ attivi.

Proprio per questa sua caratteristica si sposa benissimo con chi deve affrontare un percorso riabilitativo importante.

Ha una portata massima di 100 kg ed è composto da PVC studiato appositamente per l’uso medico.

Il compressore incluso è potente e molto silenzioso.

Il costo è di 63 euro circa.

Materassi antidecubito migliori sotto i 50 euro 

Infine, ecco i modelli di materassi antidecubito economici ma allo stesso tempo con caratteristiche più che buone.

Kit antidecubito AnteaMED

Kit antidecubito AnteaMED

Ecco un modello a buon mercato ma che esegue la sua funzione in maniera ottimale.

Questo tipo di materasso è composto da ben 130 bolle che si gonfiano e sgonfiano in maniera alternata.

Tieni conto che, il compressore incluso, permette questa alternanza ogni 6 minuti circa. Un ottimo parametro per capirne l’efficacia.

Perfetto da fissare al materasso in quanto ha due lembi sufficientemente lunghi alle due estremità.

Il compressore è molto silenzioso ed ha anche un piccolo gancio per poterlo attaccare direttamente alla struttura del letto.

Fatto in PVC ha una portata massima di 135 kg.

Il costo è di 43 euro circa.

Mobiclinic Mobi 1

Infine ecco un altro modello economico ma allo stesso tempo con buone qualità.

Si tratta di una materasso antidecubito ad aria a pressione alternata, ovviamente anche con compressore incluso.

Perfetto sia per prevenire ferite ed ulcere che per chi, purtroppo, ha già problemi di questo tipo a causa dell’infermità a letto.

Ha una portanza di 135 kg e le 130 celle presenti si gonfiano e sgonfiano a seconda delle necessità e del peso del paziente. La tempistica è di ogni 6 minuti.

Design pratico e leggero che ti permette di trasportare il materasso in modo semplice e veloce.

Materiale clinicamente testato ed ignifugo.

Il costo è di 37,96 euro.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here