Miglior pulitore a vapore • Guida all’acquisto aggiornata • 2018

1
194

La pulizia è molto importante e per farla a regola d’arte servono i giusti srumenti.

Una donna sa quanto sia difficile tenere una casa perfettamente pulita ed in ordine e sa anche come a volte la lotta contro macchie ostinate sia davvero difficile.

In certi casi la battaglia si può vincere solo con l’arma giusta e molto spesso l’arma giusta è un pulitore a vapore.

L’utilizzo del vapore infatti ha notevoli vantaggi. Innanzitutto non prevede l’aggiunta di detergenti permettendo cosi non solo un risparmio di soldi ma anche un lavaggio naturale che è sempre la migliore soluzione. Inoltre il vapore essendo a temperatura alta permette una pulizia molto più profonda eliminando in maniera naturale germi e batteri e pulendo anche con meno fatica e dispendio di energie. Insomma il vapore è un vero braccio destro quando si tratta di pulizie e proprio per questo se ancora non lo avete inserito nelle vostre quotidiane pulizie è arrivato il momento di farlo.

Con questo utile articolo vi vogliamo fare entrare nel mondo dei pulitori a vapore facendovi conoscere in maniera approfondita il loro utilizzo e le loro caratteristiche. Alla fine avrete un’idea molto più ampia e chiara dell’argomento e saprete cosi dove indirizzarvi per un acquisto perfetto e ampiamente utile.

Il migliore pulitore a vapore: la tipologia

Quando si parla di pulitore a vapore in realtà non ci si riferisce ad un preciso modello e tipologia. Infatti il termine pulitore a vapore racchiude in sé molteplici prodotti che hanno però tutti in comune di usare appunto il vapore.

In linea di massima comunque i pulitori a vapore in commercio per uso casalingo sono tutti molto compatti, portatili e sono dotati di tubo e spazzola. Molti poi hanno anche la possibilità di aspirare ed asciugare rendendo cosi la pulizia possibile ancora più ampia. Vi sono poi anche pulitori a vapore più professionali e tecnici idonei ad esempio a sterilizzare ambienti del mondo sanitario o alimentare. Questi sono molto più ingombranti e hanno anche un costo molto più elevato.

Noi in questo articolo ci soffermeremo sui pulitori a vapore per uso domestico che sono praticamente dei piccoli elettrodomestici caratterizzati da un serbatoio ad acqua e una spazzola  od un erogatore a pistola.

Cominciamo quindi a conoscere meglio questi prodotti cosi da avere un’idea più chiara e precisa di cosa necessitiamo per le nostre esigenze.

 

Il migliore pulitore a vapore: le caratteristiche

Abbiamo già definito cosa rappresenta l’espressione pulitore a vapore, abbiamo anche capito che in commercio esistono vari modelli a riguardo quindi ora siamo pronti per soffermarci su aspetti più tecnici essenziali da conoscere prima di procedere con l’acquisto.

La prima cosa importante da dirvi è che per avere un buon risultato finale bisogna scegliere un pulitore a vapore che abbia delle caratteristiche e delle prestazioni di buon livello. Se il pulitore a vapore ha caratteristiche di molto sotto alla media non darà poi il risultato desiderato e sarà anche molto distante da quello che necessitiamo. Ecco quindi che in questo settore è meglio spendere qualche minuto in più per riflettere prima di procedere con l’acquisto vero e proprio.

 

Il migliore pulitore a vapore: la potenza

La prima caratteristica fondamentale da controllare e valutare è la potenza. Da questa caratteristica infatti poi si avrà una diversa tempistica di riscaldamento dell’acqua ed anche una diversa prestazione finale.

La potenza di un pulitore a vapore è in media attorno i 1100 watt, è bene non scendere da questa soglia per non avere poi un elettrodomestico con prestazioni troppo scarse.

Attenzione però perché ovviamente dovete capire che maggiore è la potenza maggiore è anche il consumo quindi se ne farete un grande uso valutate se è il caso di andare molto sopra la soglia della potenza minima o no.

 

Il migliore pulitore a vapore: la pressione del vapore

Altra caratteristica fondamentale che va a pari passo con la potenza del motore è la pressione del vapore. La pressione che il vapore raggiunge all’interno della caldaia si misura in bar e in questi apparecchi non è molto alta. Infatti in media si aggira solamente sui 3 bar. Dovete tenere presente che più alto è il valore del bar migliore è la prestazione finale del pulitore a vapore. Proprio per questo motivo è un dato da controllare e valutare attentamente prima di acquistare un pulitore a vapore.

Una nota importante che vi vogliamo fare è che la pressione del vapore non quantifica la quantità di vapore emesso nell’erogazione quindi per ovviare a questo potrete optare per un pulitore a vapore con la possibilità di regolare l’intensità dell’erogazione. Ma questo aspetto lo analizzeremo anche più avanti.

 

Il migliore pulitore a vapore: la sicurezza

Trattandosi si un elettrodomestico ad alta temperatura che si maneggia con le mani è bene valutare anche la sua sicurezza per non incappare poi in qualche spiacevole situazione. Infatti il vapore raggiunge una temperatura che va dai 100° ai 120°, potete ben capire che una simile temperatura può provocare delle ustioni sulla pelle non indifferenti.

Verifica prima di procedere con l’acquisto che vi sia un tappo di sicurezza della caldaia in modo che blocchi l’apertura nel caso in cui vi sia una pressione all’interno.

Se poi avete dei bambini in casa controllare che vi sia anche una chiusura di sicurezza apposita per i bambini per avere cosi la certezza che non accadano spiacevoli incidenti.

 

Il migliore pulitore a vapore: la gestione dell’acqua

Essendo il pulitore a vapore un piccolo elettrodomestico che funzione e sfrutta proprio la forza del vapore è ovvio che la gestione dell’acqua sia di importanza vitale per il funzionamento dell’apparecchio e quindi merita molta attenzione.

 

Il serbatoio: capacità ed autonomia

Innanzitutto bisogna esaminare il serbatoio, ovvero il luogo dove dovrete mettere l’acqua. I pulitori a vapore sono molto compatti e portatili per essere il più maneggevoli possibili, quindi proprio per queste ragione non vi potete aspettare un serbatoio estremamente capiente.

In commercio la capacità del serbatoio va dai 200 ml ai 400 ml. In maniera proporzionale cresce anche l’autonomia, ovvero maggiore è la capacità maggiore sarà anche l’autonomia del pulitore a vapore.

Alcuni marchi specificano l’autonomia in minuti sulla confezione, solitamente un serbatoio grande di 400 ml ha un’autonomia di 15 minuti ma è sempre meglio che controlliate prima di fare l’acquisto perché questi sono dati medi e generici.

 

Il riscaldamento dell’acqua

Per creare vapore ovviamente l’acqua deve arrivare ad un temperatura molto alta e quindi deve riscaldarsi. Questo processo richiede un dispendio di tempo che va solitamente dai 2 ai 5 minuti.

Il tempo di riscaldamento dell’acqua comunque dipende molto dalla potenza del pulitore a vapore e della quantità dell’acqua inserita. Nella confezione comunque è quasi sempre specificata in modo che possiate farvi un’idea più precisa.

 

La pulizia del serbatoio

Una nota importante va fatta alla pulizia, o meglio alla decalcificazione del serbatoio in quanto l’acqua si sa che porta alla formazione di calcare nel lungo tempo.

Per mantenere il pulitore a vapore in ottime condizioni e quindi garantire un suo utilizzo al massimo delle sue prestazioni è bene decalcificare a periodi regolari. Valutare questo aspetto e la velocità di esecuzione di questa procedura prima dell’acquisto potrebbe evitarvi brutte sorprese in futuro.

 

Il migliore pulitore a vapore: la sua praticità d’uso

Ora possiamo a procedere con l’analizzare invece aspetti che anche se molto spesso ritenuti secondari sono molto importanti nel suo utilizzo futuro.

Come già accennato in precedenza nell’articolo la particolarità dei pulitori a vapore sta proprio nella loro estrema maneggevolezza. Perché sia maneggevole però è importante anche che non sia particolarmente pesante. Prima di procedere con l’acquisto quindi controllate il peso. Attenzione però perché il peso che trovate nelle varie confezioni è sempre un peso netto ovvero con il serbatoio dell’acqua vuoto. Al peso indicato quindi dovete aggiungere il peso dell’acqua che ad esempio nel caso di un serbatoio con capacità di 400 ml equivale ad un peso di 400 gr.

Detto questo vi vogliamo dare un consiglio utile: se desiderate un pulitore a vapore con serbatoio grande optate allora per un pulitore che abbia una struttura leggera in modo da compensare il peso e non avere poi difficoltà nel maneggiarlo.

Altra cosa importante è la lunghezza del cavo elettrico. Infatti un filo troppo corto potrebbe essere un problema, soprattutto se nella vostra case non avete molte prese.

 

Il migliore pulitore a vapore: i suoi accessori

Passiamo ora a dare un’occhiata ai vari accessori di cui può essere munito il pulitore a vapore.

Innanzitutto l’imbuto che facilita il riempimento del serbatoio. In alcuni modelli poi viene fornita anche una comoda tracolla che può essere molto utile in certi casi.

Un grande sguardo poi va dato alle varie bocchette con cui utilizzare il pulitore a vapore.

Le bocchette e le spazzole che potete trovare sono:

  • ugello. Una spazzola allungata
  • ugello a 90°. Una spazzola allungata per punti estremamente difficili da raggiungere
  • tubo di prolunga
  • spazzolino rotondo
  • tergi vetri
  • cuffia in cotone
  • spatola

Prima di comprare il pulitore a vapore però controllate cosa è incluso e cosa no per non trovarvi poi sprovvisti di qualche accessorio che credevate di trovare nella confezione.

 

Il migliore pulitore a vapore: i modelli scelti per voi

Eccoci finalmente arrivati al momento cruciale, ovvero il momento in cui siamo pronti per svelarvi i migliori modelli nel mercato.

Ecco per voi i migliori modelli di pulitori a vapore.

 

Il migliore pulitore a vapore a alta prestazione: Kärcher SC1

Pulitore a vapore Kärcher SC1Il Kärcher SC1 è un pulitore a vapore davvero ottimo con un risultato finale che sfiora la perfezione. Ha una potenza di 1200 watt e una potenza di pressione pari a 3 bar. Il serbatoio ha una capacità di 200 ml e l’acqua si riscalda davvero molto velocemente.

Molto maneggevole con un peso di 1,6 kg ed un cavo lungo ben 4 metri. Ha la sicurezza per i bambini e ha anche un sistema molto semplice e veloce di pulizia del calcare. Può essere utilizzato anche per la pulizia dei pavimenti. Nella confezione sono inclusi il kit pulizia pavimenti EasyFix, il panno in microfibra, una bocchetta manuale, una bocchetta fessure e una spazzolina tonda.

il panno pavimenti e anche molti atri accessori aggiuntivi. Il costo è un po’ elevato ma d’altronde la qualità si paga ed è pari a 105,79 euro.

 

Il migliore pulitore a vapore con ottimo rapporto qualità-prezzo: Hoover SSNH1000

pulitore a vapore Hoover SSNH1000L’Hoover SSNH1000 è un ottimo pulitore a vapore a prezzo più basso ma con una prestazione finale davvero ottima. Una potenza di 1000 watt e una pressione pari a 4 bar.

Molto maneggevole con un peso di 1,6 kg ed un cavo di 4 metri. Il serbatoio è motlo capiente grazie ai suoi 400 ml con un’autonomia di 12 minuti.

Nella confezione potete trovare molti accessori: Shovel plate, ugello ad angolo, spazzola rotonda, spazzolino tondo, spazzola a pettine, tubo conico, tubo di collegamento, bocchetta per abbigliamento, misurino a caraffa.

Il prezzo è di 49,90 euro e spesso lo si trova in offerta.

 

Il migliore pulitore a vapore economico: Polti Vaporetto Diffusion

pulitore a vapore Polti Vaporetto DiffusionInfine un pulitore a vapore a buon mercato per chi non ha grandi pretese: Polti Vaporetto Diffusion. Nonostante il prezzo sia davvero basso ha comunque delle prestazioni di buon livello.

Una potenza di 1200 watt con una pressione pari a 3 bar.

Il serbatoio ha una capacità di 200 ml ed ha un tempo di riscaldamento apri a 3 minuti. Il cavo è lungo 3,5 metri e pesa 1,8 kg.

Nella confezione sono inclusi: lancia, becco curvo, spazzolino tondo, spazzolino tondo in ottone e caraffa.

Il prezzo è di 29,99 euro.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here