Quanto latte deve bere un neonato: come calcolarlo!

0
170
Quanto latte deve bere un neonato come calcolarlo

Una delle principali preoccupazioni dei neogenitori è l’alimentazione del bambino, soprattutto nelle prime settimane e nei primi mesi, in cui la crescita e l’aumento di peso sono importanti.

Le domande che vengono sempre poste sono: Quanto latte dovrebbe bere il mio bambino? Ne prende abbastanza? Avrà fame? Gli sto dando di più? In questo post vogliamo rassicurarvi e aiutarvi con alcune indicazioni sulle quantità indicative di latte che i neonati dovrebbero bere.

Quanto latte beve un neonato?

Le raccomandazioni dell’OMS sono chiare, “L’alimentazione migliore per un bambino dalla nascita, e fino a 6 mesi di vita, è l’allattamento al seno esclusivo e su richiesta”.

Non esiste un programma per allattare un bambino, né un tempo di attesa tra le poppate, né una durata delle poppate. 

È il bambino che detta il ritmo e che chiederà e regolerà, a suo modo, il latte di cui ha bisogno.

Alcuni bambini richiedono molto di più per stare al petto della madre, rendendo più brevi le pause tra le poppate, mentre altri bambini li distanziano di più nel tempo.

Certo, con l’allattamento al seno è impossibile sapere esattamente quanto latte sta bevendo il tuo piccolo, ma ci sono alcuni segnali che puoi tenere in considerazione se allatti al seno e che possono aiutarti:

  • Il momento di cambiare seno è quando il bambino lascia andare spontaneamente il capezzolo.
  • Alcuni bambini si nutrono e hanno solo bisogno di bere il latte da un seno, mentre altri svuotano entrambi, quindi non dovresti preoccuparti se fanno una cosa o l’altra, è il bambino che regola questo e dipenderà da quanto sono affamati.
  • Quando il bambino è appena nato, spesso si addormenta al seno nel mezzo della poppata, ed è bene stimolarlo dolcemente, accarezzandogli la guancia, i piedi o la schiena, in modo che si svegli leggermente e continui a succhiare.
  • L’allattamento al seno non è solo cibo per il bambino, è anche una forma di attaccamento, calma e protezione. A volte il bambino riesce a terminare la poppata, ma vuole restare attaccato al capezzolo per continuare a sentire il calore della mamma. Quando ciò accade, il ritmo di suzione cambia ed è molto più fluido.
  • Non ci sono linee guida sui tempi esatti per l’allattamento al seno perché ogni bambino è unico e ha bisogno di una diversa quantità di tempo per sentirsi pieno. Ciò che è chiaro è che durante i primi mesi la richiesta è maggiore e, allo stesso tempo, il bambino ha bisogno di più tempo al seno per ogni poppata. Con il passare dei mesi il bambino cresce, la sua bocca è più grande e, acquisendo maggiore abilità nella suzione, impiega meno tempo per estrarre tutto il latte di cui ha bisogno.
  • Il petto può anche dare indizi su come sta andando l’alimentazione, poiché quando si sente più morbido, meno congestionato, significa che si è svuotato.

Esistono situazioni molto particolari in cui puoi avere la necessità di conservare il latte materno per esempio il tuo bambino è nato prematuro e non hai la possibilità di stargli vicino sempre o semplicemente il tuo seno produce molto latte e non riesci a gestirlo al meglio. In queste situazioni ti potrà essere molto d’aiuto un tiralatte, un semplice strumento che contribuisce a supportare l’allattamento al seno e i benefici associati al nutrimento del bambino con il latte materno.

Alimentazione artificiale

Se il tuo bambino prende il biberon, sarà molto più facile per te controllare la quantità di latte, anche se non dovresti preoccuparti perché, anche se non allatti al seno, le linee guida dovrebbero essere le stesse dell’allattamento al seno, poiché artificiale anche l’alimentazione dovrebbe essere su richiesta.

Esiste una formula generale che serve per calcolare la quantità di latte che un neonato dovrebbe bere in base al proprio peso: si calcola il peso del bambino in grammi, si divide per 10 e al risultato ottenuto si aggiunge 250. Ad esempio, per un bambino che pesa 3 kg, la formula sarà: (3000 : 10) + 250. Quindi nell’arco delle 24 ore il bambino dovrebbe prendere in totale 550 gr di latte. Il quantitativo ottenuto dovrà essere poi suddiviso per il numero di poppate nel corso della giornata. In genere un neonato fa al giorno 6 poppate, perciò ogni poppata dovrà essere di 92 gr di latte.

Un altro riferimento che può aiutarti a sapere se ha fame è controllare il numero di bottiglie e vedere se le finisce fino all’ultima goccia. In tal caso, è consigliabile aumentare un po’ di più la quantità di latte.

Il latte artificiale può venirti incontro anche di notte o quando il pediatra ti ha consigliato un allattamento misto, cioè intervallare il latte artificiale a quello materno. Quando sei fuori casa o di notte e hai la necessità riscaldare il latte per il tuo bambino puoi usare uno scaldabiberon. In commercio puoi trovare tantissimi modelli, ti consigliamo di leggere la nostra guida sui migliori scaldabiberon per poter scegliere quello adatto alle tue esigenze.

Come dicevamo prima, devono sempre prevalere le esigenze del bambino e le indicazioni del pediatra, ma come guida questa tabella può aiutarti:

tabella quantita latte neonato

Non sovraccaricarti di tutte queste informazioni, alla fine anche il tuo istinto materno/padre ti aiuterà e piano piano conoscerai meglio il tuo bambino e le sue esigenze. 

Mentre questo accade, i dati che possono darti le migliori informazioni sul fatto che stai dando al tuo bambino la giusta quantità di latte sono: la progressione del suo aumento di peso, se piange quando finisce di mangiare o rimane calmo, e la frequenza di i suoi movimenti intestinali.

Conclusioni

Comprendere le esigenze di nutrimento del tuo bimbo è fondamentale per garantire una crescita e uno sviluppo sani fin dai primi giorni di vita. Il calcolo della quantità di latte necessaria può sembrare un compito complicato, ma con la giusta informazione e attenzione, puoi sentirti sicura nel fornire al tuo bambino ciò di cui ha bisogno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here