Migliore sterilizzatore per biberon e ciucci: microonde, vapore e freddo • 2018

0
118
migliore sterilizzatore per biberon e ciucci

La nascita di un bambino comporta moltissime spese e anche la necessità di avere molte più attenzioni e cura per quanto riguarda l’igiene.

Il sistema immunitario dei bambini infatti non è ancora forte come quello degli adulti ed è importante quindi proteggerli finché questo sistema non si è rinforzato.

La sterilizzazione e la pulizia dei vari biberon, ciucci e giochi diventa quindi fondamentale.

In questo articolo vi vogliamo indicare non solo quali sono i migliori sterilizzatori in commercio ma vi vogliamo anche aiutare a scoprire quali siano le caratteristiche da tenere in considerazione quando si procede con questo determinato acquisto perché la salute e la sicurezza dei nostri figli viene sempre prima di tutto.

 

Il migliore sterilizzatore: le varie tipologie

In commercio ormai esistono modelli di ogni tipo per qualsiasi strumento ed oggetto. Anche per quanto riguarda gli sterilizzatori potete trovare davvero una vasta gamma.

Iniziamo con il dire che lo scopo dello sterilizzatore è quello di ridurre al massimo la presenza di germi e batteri dai biberon e dai ciucci. Un ottimo sterilizzatore se usato correttamente può fare questa azione eliminando ben il 99% dei germi. Come potete ben capire è un acquisto molto importante da tenere in considerazione quando si ha un neonato in casa.

Una volta si usava far bollire ciucci e biberon in acqua, ora che la tecnologia è avanzata si usa invece utilizzare appunto uno sterilizzatore che oltre ad essere molto più veloce è anche più sicuro ed efficace.

In commercio potete trovare diverse tipologie di sterilizzatore con diverse tecnologie di funzionamento.

Passiamo ora a conoscerle meglio per capire qual è la migliore e quella che fa maggiormente al caso vostro.

 

Sterilizzazione a caldo

Per sterilizzazione a caldo si intende una sterilizzazione che avviene attraverso il vapore, ovvero tramite il riscaldamento dell’acqua ad un’alta temperatura.

È la tecnologia più usata in quanto richiama un po’ il principio utilizzato dalle nostre care nonne con la sterilizzazione in un pentolino con l’acqua che bolle.

Per quanto riguarda questa tipologia gli sterilizzatori sono tutti elettrici. Ci sono tuttavia alcuni modelli che sfruttano la sterilizzazione a caldo ma che hanno uno funzionamento dentro al forno a microonde.

 

Sterilizzazione elettrica

In questo gruppo di racchiudono davvero moltissimi modelli che si differenziano anche in modo molto netto tra di loro.

Ovviamente ci sono gli sterilizzatori elettrici che sfruttano il potere dell’acqua calda e quindi del vapore come abbiamo accennato nel punto precedente, oppure sterilizzatori che invece utilizzano un sterilizzazione meno naturale e quindi con qualche agente chimico per la pulizia, ovviamente innocuo per la salute del neonato. Sono molto comodi e veloci. Ovviamente però hanno il limite di avere sempre bisogno di un’alimentazione elettrica.

 

Sterilizzazione nel forno a microonde

Questa tipologia di sterilizzatori sfrutta sempre il potere del vapore acqueo e anche la potenza del forno a microonde. Li potete trovare in due tipologie:

  • contenitore con coperchio
  • bustine

Per quanto riguarda le bustine possiamo dire che sono molto comode ma hanno il limite di avere una vita breve. Infatti all’ incirca dopo 20 utilizzi devono essere gettate via. Potete ben capire che quindi la spesa da sostenere è continua nel tempo e non solo iniziale.

 

Sterilizzatori a freddo

Per finire abbiamo gli sterilizzatori a freddo che non utilizzano la forza e la potenza del vapore acqueo ma utilizza l’azione disinfettante di agenti chimici.

Sono decisamente più versatili e pratici in quanto non necessitano di corrente o calore. Una semplice pastiglia o un semplice liquido apposito in un po’ di acqua fredda ed il gioco è fatto.

Ha però dei limiti in quanto essendo a freddo necessità più tempo perché sia efficace ed inoltre presuppone una spesa continua di agenti chimici appositi.

Inutile dire che questo tipo di sterilizzazione non è naturale ma chimica anche se i prodotti utilizzati sono tutti a norma e controllati rigidamente.

 

Il migliore sterilizzatore: come sceglierlo

Ora che abbiamo fatto una panoramica sulle varie tipologie degli sterilizzatori in commercio passiamo a scoprire quali sono le caratteristiche a cui fare maggior attenzione quando si procede con l’acquisto di uno sterilizzatore.

 

La capienza dello sterilizzatore

Quando si ha un neonato ci si accorge immediatamente di quante cure esso abbia bisogno. Il suo istinto poi lo porta a portare tutto alla bocca. Ecco quindi che già nell’immediato vi accorgerete che a dover sterilizzare non saranno solo le tettarelle ed i biberon ma anche ciucci e altri giochini con cui lui giocherà e che inevitabilmente esplorerà con la sua bocca.

La capienza dello sterilizzatore quindi è una delle prima caratteristiche da valutare. Dovete tenere presente che per almeno i primi sei mesi di vita del bimbo dovrete sterilizzare tutto e quindi più oggetti riuscite ad inserire al suo interno minore sarà il tempo che vi occuperà questa azione.

La capienza varia anche in base alla tipologia di tecnologia avete scelto. Ad esempio uno sterilizzatore per forno a microonde è ovviamente molto più piccolo e quindi meno capiente rispetto ad un altro sterilizzatore a caldo.

Prima di procedere all’acquisto quindi verificare quanti biberon ,quanti giochini e quanti ciucci potrete mettere al suo interno.

 

Le tempistiche dello sterilizzatore

Altro fattore di cui vi accorgerete subito è sicuramente il tempo. Un neonato richiede davvero molto tempo ed energie e soprattutto nei primi mesi sarà difficile trovare del tempo libero o del tempo da dedicare ad altro.

Ecco quindi che il fattore tempistica è estremamente importante anche quando si parla di sterilizzazione. Tenete in considerazione che gli sterilizzatori a freddo hanno una tempistica molto più alta. Infatti affinché il prodotto chimico agisca perfettamente servirà almeno un’ora. Per quanto riguarda gli sterilizzatori a caldo invece le tempistiche variano a seconda del modello. Nel caso di uno sterilizzatore per forno a microonde la durata è di circa 5 minuti, mentre per le altre tipologie di tecnologia a caldo il tempo va dai 7 ai 15 minuti. Gli sterilizzatori elettrici sono in assoluto comunque i più veloci.

Ci teniamo a precisare che è difficile dare un tempo preciso in quanto ogni modello varia da potenza e tecnologia quindi dovete valutare la tempistica corretta e precisa al momento dell’acquisto.

 

La praticità di utilizzo dello sterilizzatore

Se già vi abbiamo accennato che il tempo libero a disposizione sarà poco è ovvio pensare che più lo sterilizzatore sarà pratico e semplice da utilizzare meglio sarà.

Ecco quindi che dovete valutare molti aspetti anche riguardo questa caratteristica.

Per quanto riguarda la praticità di utilizzo dovete valutare se avete intenzione di trasportarlo con voi o se invece lo volete tenere fisso in cucina. Nel caso lo vogliate portare anche con i vostri spostamenti dovete acquistare uno sterilizzatore poco ingombrante e che non necessità di elettricità, ecco quindi che se siete persone che si muovono molto dovrete optare per uno sterilizzatore a freddo.

Per praticità d’uso però ci sono anche altre cose da considerare. Controllate che ci siano anche accessori aggiuntivi come le pinze per estrarre gli oggetti cosi da mantenerli sterili. Valutate poi la semplicità di esecuzione. Ovvero basta premere un bottone e via o ogni volta necessita di un processo più complesso?

 

Il materiale con cui sono costruiti gli sterilizzatori

Quando si parla di neonati bisogna sempre fare molta attenzione anche ai vari materiali. Tutti gli sterilizzatori sono fatti praticamente di plastica in quanto è resistente alle alte temperature ed è facile da pulire. Accertatevi però che il materiale sia marchio CE e sia BPA Free, ovvero non rilasci bisfenolo A o altre sostanze tossiche a contatto con alte temperature.

 

I migliori sterilizzatori per biberon, ciucci e giochi: i modelli scelti da noi

Ora che abbiamo visto tutte le caratteristiche e le nozioni da tenere in considerazione prima di procedere all’acquisto possiamo passare ai modelli che secondo noi sono i migliori in commercio quando si parla di sterilizzazione per neonati.

Per correttezza abbiamo voluto inserire un modello per ogni tipologia di tecnologia cosi che possiate avere uno sguardo completo sull’offerta del mercato.

 

Sterilizzatore a caldo elettrico: Philips Avent SCF284/02

Sterilizzatore Philips Avent SCF284-02Il marchio Philips Avent è sicuramente uno dei migliori quando si parla di cura del bambino. Questo sterilizzatore Philips Avent SCF284/02 ne è la prova.

Uno sterilizzatore elettrico a caldo con una potenza di 650 watt. Molto veloce nel suo utilizzo in quanto permette una sterilizzazione perfetta in 6 minuti.

Per quanto riguarda la capienza è il numero uno nel mercato in quanto presenta tre contenitori di diversa grandezza che sono tra di loro assemblabili. Ecco quindi che lo potete adattare alle vostre esigenze che cambieranno con il crescere del bimbo.

Nella confezione troverete anche una pinza perfetta per estrarre gli oggetti al suo interno senza intaccare l’atmosfera sterile. Il prezzo rispetto ad altri sterilizzatori è un po’ alto ma si trovano molte offerte e comunque ne vale davvero la pena per la sua alta qualità.

Costo che si aggira sui 75 euro.

 

Sterilizzatore per forno a microonde: MAM 3093380

Sterilizzatore a vapore MAM 309380MAM è un altro marchio che da grande attenzione alla cura del neonato e della neo mamma. Ecco il MAM 3093380, uno sterilizzatore a vapore perfetto per il forno a microonde.

Sterilizza direttamente con il vapore acque e quindi in maniera totalmente naturale senza l’aggiunta di nessun additivo chimico. Nonostante sia uno sterilizzatore per il forno a microonde è molto capiente e permette di mettere al suo interno fino a 6 biberon ed accessori. Ha un diametro di 28 cm per 16,5 cm di altezza.

La sterilizzazione avviene in un tempo breve pari a 5 minuti ed l’ambiente sterile viene mantenuto per 24 ore se tenuto chiuso ovviamente.

Il costo è più a buon mercato rispetto al precedente e si aggira sui 35 euro. Nella confezione vi è anche un biberon MAM anti colica da 160 ml.

 

Sterilizzatore a freddo: Chicco Sterilbox kit completo

Chicco 652123 SterilBoxPer la sterilizzazione a freddo oltre al contenitore sono necessari ovviamente anche altri prodotti, ovvero degli agenti chimici che eliminino i germi ed i batteri dai biberon, ciucci e giochini vari.

Chicco ha quindi creato questo kit completo, modello Chicco 652123, composto da contenitore con una capienza pari a 6 biberon ed accessori, scovolino per pulire a fondo i biberon ed una pinza igienica.

Ovviamente poi è necessario comprare da parte il prodotto che maggiormente si preferisce per la sterilizzazione a freddo.

Questo kit completo costa circa 25 euro e lo si trova molto spesso in offerta. È un ottimo quando si parla di questa tipologia di sterilizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here